Accatastamento a Roma

accatastamento a roma

Pratica di accatastamento a Roma

Stai cercando un bravo tecnico per una pratica di accatastamento a Roma? Benvenuto caro lettore sei nel posto giusto, lo studio tecnico Geoproject vanta una ventennale esperienza sul campo degli accatastamenti a Roma, siamo una realtà consolidata sul territorio Romano presenti per ogni particolare problematica a livello catastale. 

Non è sempre facile trovare un bravo tecnico di fiducia (Ad esempio un Geometra, un architetto o un ingegnere) per risolvere brevemente i problemi amministrativi come ad esempio variare una planimetria catastale al Catasto di Roma.

In questo articolo tratteremo tutto ciò che c’è da sapere riguardo l’argomento dell’accatastamento a Roma, che cos’è, quando va presentato, i costi da sostenere per aggiornare la planimetria catastale difforme e chi può presentarlo.

Accatastamento da cosa deriva? Partiamo un pò dalla storia del catasto..

Il catasto edilizio urbano è costituito dall’insieme di documenti, mappe e atti, che descrivono i beni immobili (indicando luoghi e confini), nome dei possessori, rendite. Con le rendite si calcolano tasse e imposte. Partendo dal termine “Catasto” possiamo intanto affermare che esistono varie opinioni sulle sue origini, ma quella più accreditata è del “Censimento di tutti i beni esistenti in un territorio”. Sin dai tempi più antichi, i beni immobili sono stati considerati i beni più importanti ai fini dell’applicazione delle imposte, principalmente perché facilmente accatastabili. Si è partiti con l’applicazione delle imposte prima sulla consistenza, poi sul reddito, per arrivare ai giorni nostri, sulla rendita catastale, valore monetario ottenuto sulla base della consistenza, destinazione e qualità. Quindi lo scopo principale di accatastare un immobile è prettamente fiscale.

Quando fare un accatastamento a Roma? Elenco dei casi più frequenti che richiedono una variazione catastale:

Ricapitolando..

È necessario l’accatastamento per la variazione catastale a Roma in caso di una ristrutturazione che apporta una modifiche interne o anche esterne    (modifiche  di facciata, creazione di un balcone, ecc.) nell’appartamento. Talvolta può succedere che l’appartamento prima di un rogito non è stato ancora aggiornato in pianta catastale, e quando il venditore si accorge delle difformità tra il catastale e lo stato di fatto diviene necessaria una sanatoria edilizia.

Non sempre le modifiche interne possono comportare una modifica del classamento e della rendita catastale. Può capitare in genere che le variazioni catastali incidano solamente su determinate modifiche minori, come lo spostamento di una parete o l’apertura di un vano porta. L’accatastamento per variazione catastale è uno dei principali elaborati utili nella richiesta di un certificato di agibilità.

Come effettuare un accatastamento per variazione catastale a Roma?

Inizialmente la pratica per l’accatastamento di un immobile a Roma era possibile solamente mediante il disegno a mano della piantina catastale con il successivo deposto con l’opportuna documentazione al catasto. Con il tempo è stato introdotto un programma per facilitare la compilazione e la registrazione degli accatastamenti a Roma in linea con le regole e le circolari dell’Agenzia del Territorio. Tale programma è stato nominato “Docfa”. L’acronimo DOCFA non è altro che l’abbreviazione di DOcumento Catasto FAbbricati. Sono passati ben venti anni da quando uscì la prima versione DOCFA 1.0 trasmessa agli uffici in data 12 novembre 1996. L’Agenzia del Territorio ha fatto da allora passi da gigante, creando una banca dati censuaria fabbricati informatizzata ad oggi molto attendibile.

Il programma Docfa è stato realizzato per conto del Ministero dell’Economia e delle Finanze italiano che ne detiene l’esclusiva proprietà. È fornito ad uso gratuito ai tecnici al fine compilare le domande di accatastamento e delle Denunce di Variazione catastale.

Il programma può essere scaricato dal sito ufficiale dell’Agenzia delle Entrate. Una volta predisposto l’accatastamento per aggiornamento della planimetria catastale dovrà essere inviato solamente in modalità telematica all’Agenzia delle Entrate.

Tempi e costi per redigere un accatastamento a Roma

Una volta predisposto l’accatastamento i tempi di registrazione della variazione catastale sono solitamente rapidi: gli uffici del Catasto dopo aver ricevuto il file dopo alcuni giorni lavorativi e rilasciano la ricevuta di effettuata registrazione del accatastamento richiesto.

Il costo da versare al catasto per la variazione di una planimetria catastale a Roma sono 50 euro, il costo varia in base al numero di planimetrie che devono essere registrate attraverso la procedura di accatastamento.

La variazione catastale cos’è e quando farla

Al fine di evitare sanzioni da parte dell’Agenzia delle Entrate una volta ultimati i lavori di ristrutturazione edilizia va presentato l’accatastamento per la variazione catastale entro 30 giorni dal fine lavori.

If You Need Help Or Have Question, Get A Consultation

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua. Ut enim ad minim veniam, quis nostrud exercitation ullamco laboris nisi ut aliquip ex ea commodo consequat
Apri chat
💬 Hai bisogno del nostro?
Ciao 👋
Come possiamo aiutarti?