Aprire un Ristorante a Roma

Iter amministrativo per aprire un attività di somministrazione a Roma

scia per aprire un ristorante a roma

Aprire un ristorante a Roma

Aprire un ristorante a Roma in un periodo di incertezza economica è senza dubbio una prova di competizione importante, che si basa su una formula semplice ma non trascurabile, dare vita a un progetto di somministrazione che spicca per servizio, menù a prodotti di qualità e prezzi accessibili a tanti.

Come aprire un Ristorante?

Ad oggi, per aprire un ristorante a Roma è necessario presentare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (S.C.I.A.) attraverso il portale telematico del Suap di Roma Capiatale. Il Regolamento (art. 9 della Deliberazione del Consiglio Comunale n. 35/2010) stabilisce che per aprire un ristorante bisogna raggiungere un determinato punteggio o anche criteri di qaulità che dipendono dai requisiti strutturali del locale e alla professionalità del titolare.

I locali interessati all'attività di somministrazione dovranno rispondere a determinati requisiti strutturali che interessano sia la superficie destinata alla somministrazione che quella destinata ai servizi, con particolare riguardo agli spazi dedicati alla manipolazione degli alimenti.

Viene richiesto inoltre il rispetto di determinati criteri di qualità riconducibile alla professionalità del titolare dell’attività e degli addetti al servizio di somministrazione (40, 30, 20, 15, 10, 5, punti) secondo il grado di rilevanza dell’indicatore, la somma totale dei punteggi pari a 200.

Criteri di qualità a Roma

Roma è divisa in zone di appartenenza A, B e C, in particolare nella ZONA A, per lo più coincidente con la Città Storica, il punteggio minimo da conseguire è 170, nella ZONA B, per lo più coincidente con la Città Consolidata, il punteggio minimo da conseguire è 155, nella ZONA C, per lo più coincidente con la Città da Ristrutturare e con la Città della Trasformazione, il punteggio minimo da conseguire è 120.

Breve sintesi per aprire un ristorante a Roma

  1. Si può aprire un ristorante a Roma nel rispetto dei requisiti strutturali e di criteri di qualità;
  2. Ai criteri di qualità sono stati attribuiti dei punteggi. Fermo restando il rispetto dei requisiti strutturali, per aprire l’attività bisogna raggiungere un punteggio minimo che varia a seconda delle 3 ZONE in cui è stato suddiviso il territorio cittadino; sono previste facilitazioni per alcune tipologie di trasferimento di sede;
  3. Norme più restrittive sono applicate negli Ambiti territoriali, individuate all’interno della ZONA A, ed in particolare nei Municipi I, III e XVII;
  4. Particolari agevolazioni (relative soltanto alla riduzione del punteggio minimo da garantire l'apertura del ristorante) sono applicate alle richieste di autorizzazione per il trasferimento di sede di attività già in essere al momento dell’adozione del regolamento Comunale e ai trasferimenti di attività di somministrazione di alimenti e bevande che si svolgono in locali per i quali sia intervenuto un provvedimento di sfratto per cause non dipendenti dal conduttore.

RICHIEDI UN PREVENTIVO GRATUITO

Requisiti e allegati per la pratica di un ristorante a Roma:

  • Ricevuta pagamento diritti d’istruttoria;
  • planimetria del locale dove si svolge l’attività di somministrazione, comprensiva dei locali destinati ad altri usi, timbrata e vistata da un tecnico abilitato e da relazione asseverata dello stesso;
  • documentazione attestante la sussistenza del punteggio minimo inerente ai criteri di qualità;
  • Dia sanitaria completa di relazione tecnica sulle caratteristiche dei locali e del ciclo produttivo sottoscritta dallo stesso OSA (operatore settore alimentare);
  • planimetria dei locali ove si svolge l’attività, redatta e firmata da un tecnico abilitato in scala 1:50 o 1:100;
  • (eventuale) relazione tecnica sull’eventuale impianto di aerazione, firmata e timbrata da un professionista abilitato ed iscritto al relativo albo;
  • attestazione in copia di avvenuto pagamento alla ASL competente della tariffa stabilita documento di identità valido;
  • la disponibilità dei locali in cui si intende svolgere l'attività di somministrazione;
  • di rispettare la destinazione d’uso dei locali e degli edifici, nonché le vigenti norme contrattuali di primo e secondo livello relative al personale dipendente impiegato;
  • l'indicazione del soggetto e preposto allo svolgimento dell'attività di somministrazione, se persona diversa da quella indicata nella domanda, in possesso dei requisiti di cui all'articolo 71 del D. Lgs. n. 59 del 26 marzo 2010;
  • il rilascio del certificato di prevenzione incendi, ove richiesto;
  • che i locali sono conformi ai regolamenti di polizia urbana e igiene pubblica, nonché alle norme in materia di inquinamento acustico e quelle relative alle condizioni di sicurezza e sorvegliabilità;
  • che i locali sono conformi ai regolamenti edilizie agli strumenti urbanistici;
  • di aver ottemperato a quanto previsto in materia di emissioni in atmosfera, ai sensi dell’art. 269 e dell’art. 272, commi 1 e 2 del D. Lgs. 152/06 (competenza Provincia di Roma);
  • il possesso dei requisiti strutturali di cui all’articolo 9, comma 3, del Regolamento, attestato dalla planimetria del locale dove si svolge l’attività di somministrazione, comprensiva dei locali destinati ad altri usi, timbrata e vistata da un tecnico abilitato e da relazione asseverata dallo stesso;
  • la sussistenza del punteggio minimo inerente ai criteri di qualità di cui all’articolo 9 del Regolamento, dichiarato nella domanda di rilascio di autorizzazione, attestata attraverso la documentazione indicata nello Schema 2 presente sul modello allegato;
  • che i locali sono conformi ai regolamenti di polizia urbana e igiene pubblica, nonchè delle norme relative alle condizioni di sicurezza e sorvegliabilità (art. 5 del Regolamento);
  • di impegnarsi a rispettare il punteggio minimo relativo ai criteri di qualità come indicato dagli artt. 10 e 12 del Regolamento, nel periodo successivo all'avvio dell'attività nella nuova sede e fino alla cessazione della stessa;
  • di aver presentato la comunicazione di iscrizioneai fini della Tariffa Rifiuti;
  • Nel caso di estensione dell'attività di somministrazione ai sensi dell'articolo 28 comma 2 del regolamento si dichiara di rispettare i requisiti igienico sanitari;
  • Nel caso di locale ricadente nell'ambito della Città Storica si dichiara di rispettare le disposizioni regolamentari previste a tutela della Città Storica (delibere CC n. 36/06 e n. 86/2009).

I PIU' LETTI ! APPROFONDIMENTI E ARTICOLI CORRELATI:

Rimani sempre aggiornato ! ! !

VISUALIZZA LA NOSTRA PAGINA DEGLI ARTICOLI

SUET di Roma Sportello Unico Edizia Telematico - Invio della Cila

Il SUET è uno sportello telematico a disposizione dei cittadini e dei tecnici professionisti progettato per semplificare la presentazione delle comunicazioni e delle istanze necessarie per la realizzazione degli interventi edilizi, agevolarne l’istruttoria  da parte degli uffici competenti, monitorarne lo stato d’avanzamento da parte di tutti i soggetti interessati sino alla conclusione dell’intervento edilizio.

Approfondisci

SUAP di Roma Sportello Unico Attività Produttive - Invio della Scia Commerciale

Lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.), istituito dal D. Lgs. 31 marzo 1998, n. 112, è uno strumento di semplificazione amministrativa che mira a coordinare tutti gli adempimenti richiesti per la creazione di imprese, al fine di snellire e semplificare i rapporti tra la pubblica amministrazione italiana e i cittadini.

Approfondisci

Come aggiornare la planimetria Catastale a Roma

Aggiornare la planimetria catastale a Roma è una procedura di variazione telematica al Catasto di Roma tramite programma Docfa. L'atto di aggiornamento catastale va presentato entro 30 giorni dal fine lavori a seguito di modifiche interne come ad esempio a chiusura di una pratica Cila o Scia edilizia.

Approfondisci

Quanto costa la pratica edilizia Cila a Roma?

Il costo della Cila a Roma tiene presente diverse variabili di carattere soggettivo e oggettivo, con l'abolizione dei tariffari minimi le parcelle dei liberi professionisti hanno subito notevoli inerzie di mercato. Il costo della pratica cila può dipendere dal taglio immobiliare, dalla durata dei lavori di ristrutturazione edilizia, ecc.

Approfondisci

Quanto costa aggiornare le tabelle millesimali a Roma?

Le tabelle millesimali generalmente si dividono in proprietà generali, scale, ascenzore e di riscaldamento condominiale. Le più rilevanti sono le tabelle di proprietà generali in quanto determinano in base ad una suddivisione proporzionale la manutenzione delle aree comuni.

Approfondisci

scia per aprire una Guest house o Affittacamere a Roma

Presentare la scia per aprire una Guest house o Affittacamere a Roma è una procedura che vine fatta attraverso lo sportello unico per le attività ricettive SUAR necessaria un attività imprenditoriale nell’ambito ricettivo.

Approfondisci

Il certificato di agibilità roma

Il certificato di agibilità roma attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene nel rispetto dei requisiti igienico-sanitari degli ambienti, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, nonché la conformità dell’opera al progetto presentato.

Approfondisci

Fusione di un Appartamento - Fondere o unire una casa a Roma

Che cos'è la fusione urbanistica a Roma? Quando farla e con che pratica fondere o unire un immobile residenziale o commerciale? Tempi e costi della cila e variazione catastale per aggiornamento della planimetria.

Approfondisci

Cambio di destinazione d'uso a Roma

Hai necessità di cambiare la destinazione d'uso residenziale o commerciale a Roma? Leggi l'articolo informazioni riguardo ai tempi, costi e modalità del mutamento della categoria catastale e l'aggiornamento della planimetria catastale

Approfondisci

Come compilare e presentare la Cila al Suet di Roma

Vuoi sapere come complilare e presentare la cila al suet di Roma? Benissimo spero di esserti d'aiuto con questa lettura, frutto di un insieme di esperienze sul campo. E' un pò tempo che a Roma è in funzione lo sportello unico dell'edilizia telematico (SUET), che stravolge totalmente il metodo di compilazione e protocollazione delle pratiche cila.

Approfondisci

Scia per aprire un laboratorio artigianale a Roma

Hai intenzione di aprire un laboratorio artigianale a Roma? molto probabilmente se sei capitato in questo articolo desideri conoscere la procedura per l'autorizzazione di apertura per un'attività artigianale come una bottega o un laboratorio a Roma.

Approfondisci

Cerchi un bravo Geometra a Roma?

Lo studio tecnico Geoproject è composto da validi professionisti esperti nel disbrigo di pratiche amministrative ( pratiche cila, scia dia, variazioni catastale, millesimi, ecc. e cantieristica come la direzione dei lavori in cantiere

Approfondisci

 

Tempi e costi della Cila a Roma - Contattaci per prendere un appuntamento.

Il nostro onorario varia da caso per caso, generalmente può partire da un importo di circa € 600,00 (IVA esente - Regime forfettario), a questi vanno sommati i Tributi Catastali che ammontano ad € 50,00 e i costi istruttori di euro € 251,24.
Il nostro studio tecnico, nonché sede fisica, è all' Eur-Torrino. Effettuiamo sopralluoghi su tutto il territorio della Provincia di Roma. Il Costo della Cila a Roma non varia per le zone ricadenti nel Gra. Siamo operativi nelle zone ricadenti nel raggio e limitrofe al G.R.A. Sono coperte, ad esempio, le zone:
Eur, Malafede, Acilia, Casal Palocco, Ostia Antica, Castel Fusano, Infernetto, Castel Porziano, Casal Brunori, Casale Castellaccio, Casal Fattoria, Castel di Leva, Castel Romano, Colle di Mezzo Decima, e Castel di Decima Eur, Falcognana, Fonte Meravigliosa, Cecchignola, Fonte Laurentina, Giuliano Dalmata, Laurentino, Mezzocammino, Montemigliore, Mostacciano, Spinaceto Tor di Valle, Tor de' Cenci, Torrino, Trigoria, Vallerano, Vitinia, via Appia, via Ardeatina, via Cristoforo Colombo e via Ostiense, includendo inoltre le zone di San Paolo, Ardeatina, Roma 70, Grottaperfetta, Tor Marancia e Garbatella, Tuscolano Nord Tuscolano Sud Tor Fiscale Appio Don Bosco, Appio Claudio, Quarto Miglio, Pignatelli, Romanina, Gregna, Morena, Ciampino, Torre Spaccata, Torre Angela, Acqua Vergine, Torre Spaccata, Torre Maura, Tor Bella Monaca, Borghesiana, Torri e Castelli Tor Vergata, Giardinetti, Casal Bruciato, Casal Bertone, Casal de Pazzi, Rebibbia - Ponte Mammolo Podere RosaColli Aniene Tiburtino Tor Cervara Portonaccio Pietralata Monti Tiburtini Collina Lanciani San Basilio San Cleto Casal Monastero Torraccia Prato Lauro Settecamini Case Rosse Casale Caletto Casale Cavallari - Salone Monte Sacro, Val Melaina, Monte Sacro Alto, Fidene, Serpentara, Casal Boccone, Conca d'Oro, Sacco Pastore, Tufello, Aeroporto dell' Urbe, Settebagni, Bufalotta, Tor S. Giovanni Villaggio Olimpico - Parioli - Flaminio - Salario - Trieste - Villa Borghese - Villa Ada - Nomentano - San Lorenzo - Universita - Verano Rioni Borgo, Campitelli, Campo Marzio, Celio, Colonna, Esquilino, Ludovisi, Sallustinano, Monti, Parione, Pigna, Ponte, Prati, Regola, Ripa, S. Angelo, S. Saba, S. Eustacchio, Testaccio, Trevi, Trastevere e parte di Castro Pretorio, il quartiere Della Vittoria e parte dei quartieri Trionfale, Ostiense ed Ardeatino
Le richieste pervenute oltre queste zone saranno valutate per cercare di offrire il miglior prezzo possibile.

Contattaci per un preventivo gratuito ci occupiamo di aggiornare la tua planimetria catastale a Roma, sopralluoghi entro le 24 ore, pratiche evase entro 76 ore, rilievi dettagliati nel tuo appartamento. Professionalità, affidabilità e competenza sono le nostre regole d'ufficio. Servizio offerto dallo Studio Tecnico Geoproject.