APRIRE UN AUTOLAVAGGIO A MANO A ROMA

INDICE :

   

1. APRIRE UN AUTOLAVAGGIO A MANO A ROMA: GLI ADEMPIMENTI BUROCRATICI

permesso per aprire un autolavaggio a mano

Manutenzione Straordinaria

 

Gli interventi di manutenzione straordinaria dopo l'approvazione del decreto sblocca italia.

 

Gli interventi di manutenzione straordinaria sono definiti dall'articolo 3, comma 1, lettera b) del Testo Unico dell'Edilizia (d.p.r. 380/01) le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino la volumetria complessiva degli edifici e non comportino modifiche delle destinazioni di uso. Nell'ambito degli interventi di manutenzione straordinaria sono ricompresi anche quelli consistenti nel frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere anche se comportanti la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari nonché del carico urbanistico purché non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga l'originaria destinazione d'uso;
(lettera così modificata dall'art. 17, comma 1, lettera a), legge n. 164 del 2014)

 

Con l'approvazione del decreto slocca italia sono state introdotte sostanziali modifiche al concetto di manutenzione straordinaria: da una parte il riferimento a “volumi e superfici delle singole unità immobiliari” è stato modificato nel concetto di“volumetria complessiva degli edifici”. Mentre dall’altra lo Sblocca Italia contribuisce a far rientrae nella categoria della manutenzione straordinaria anche gli interventi di frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere, anche se comportanti la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari nonché del carico urbanistico, a condizione che non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga l’originaria destinazione d’uso.

Tale modifica amplia leggermente l’area tematica degli interventi che rientrano nella categoria della manutenzione straordinaria: ricordiamo che tra le operazioni rientranti in questo insieme si allineano anche l’installazione di ascensori e scale di sicurezza, la realizzazione e miglioramento dei servizi igienici oltre alla sostituzione di infissi esterni e serramenti o persiane con serrande e con modifica di materiale o tipologia di infisso.

 

Come modifica l'articolo 3, comma 1, lettera b) del Testo Unico dell'Edilizia (d.p.r.380/01) dopo il decreto sblocca Italia:

 

In rossole modifiche al decreto introdotte dalla Legge. 164/2014;

In rosso le parti del decreto soppresse dalla Legge 164/2014;

In arancione le note e i commenti d’ausilio alla valutazione delle modifiche subite dal decreto nel corso degli anni;

 

b) "interventi di manutenzione straordinaria", le opere e le modifiche necessarie per rinnovare e sostituire parti anche strutturali degli edifici, nonché per realizzare ed integrare i servizi igienico-sanitari e tecnologici, sempre che non alterino i volumi e le superfici delle singole unità immobiliari la volumetria complessiva degli edifici e non comportino modifiche delle destinazioni di uso.Nell'ambito degli interventi di manutenzione straordinaria sono ricompresi anche quelli consistenti nel frazionamento o accorpamento delle unità immobiliari con esecuzione di opere anche se comportanti la variazione delle superfici delle singole unità immobiliari nonché del carico urbanistico purché non sia modificata la volumetria complessiva degli edifici e si mantenga l'originaria destinazione d'uso; (lettera così modificata dall'art. 17, comma 1, lettera a), legge n. 164 del 2014)

Esempi di interventi di manutenzione straordinaria

Di seguito un elenco, comunque di interventi di ristrutturazione che rientrano nella casistica di manutenzione straordinaria:

Opere esterne:

- rifacimento o nuova realizzazione di intonaci esterni;

- sostituzione di serramenti esterni, persiane, serrande, ecc., con altra tipologia di infissi differente per forma e materiali;

- realizzazione di cancellate, ringhiere, muri di cinta e recinzioni;

- interventi finalizzati alla formazione di cortili e giardini, anche con piantumazione di alberi;

Opere interne:

  • consolidamento statico di strutture portanti dell'edificio, sia in fondazione che in elevazione;
  • sostituzione di solai di copertura con altri aventi materiali e strutture differenti, senza modifica delle quote di colmo o gronda;
  • rifacimento di scale e rampe;
  • realizzazione, rifacimento integrale o integrazione di servizi igienico – sanitari;
  • rifacimento o modifica integrale degli impianti anche con installazione di pannelli solari o fotovoltaici;
  • sostituzione di tramezzi interni con modifica dello schema distributivo, ma senza alterare superfici, volumi e destinazione d'uso;
  • frazionamenti o accorpamenti di unità immobiliari, purchè non comportino la modifica dell'assetto distributivo dell'intero fabbricato;

Sono compresi anche interventi di realizzazione di elementi accessori o pertinenziali che non comportino l'aumento di volumi o superfici utili, come scale di sicurezza ed ascensori, volumi tecnici, centrali termiche, anche all'esterno dell'edifico.

Tra gli interventi di manutenzione straordinaria sono compresi anche quelli finalizzati al risparmio energetico, come la coibentazione o rifacimento del manto di copertura e la realizzazione di cappotti esterni.

Gli interventi di manutenzione straordinaria

Come abbiamo visto, la manutenzione straordinaria comprende una serie di interventi possibili che possono portare anche ad una certa trasformazione dell'immobile, senza però mutarne destinazione d'uso, superfici e volumi, e che spesso richiedono un progetto a firma di tecnico abilitato.

Per questo è necessario presentare in comune, prima dell'inizio dei lavori, una Comunicazione di Inizio Lavori Asseverata (CILA), asseverata dal tecnico ed accompagnata da tutti gli elaborati grafici e documenti necessari.

Nel caso in cui i lavori prevedano interventi su parti strutturali, come l'apertura di un vano in un muro portante o la sostituzione di un solaio, si dovrà, invece, presentare una Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA). In questo caso sarà anche necessario, prima di iniziare i lavori, depositare il progetto e la verifica strutturale al Genio Civile.

Prima dell'intoriduzione della cila, per gli interventi catalogati come manutenzione straoridnaria era necessaria la Dia anche per gli interventi come il frazionamento, la fusione e il cambio di destinazione d'uso.

Nel caso in cui ci sia necessità di installare su suolo pubblico opere provvisionali, come ponteggi, bisognerà presentare preventivamente la richiesta di Occupazione di Suolo Pubblico (OSP) e pagare i relativi oneri. Infine, quando i lavori comportino una modifica della distribuzione interna dell'edificio, o la presenza di nuove aperture, prima che i lavori siano terminati, bisognerà provvedere alla richiesta di variazione catastale ed allegare la relativa ricevuta alla comunicazione di fine lavori.

Detrazioni fiscali per interventi di manutenzione straordinaria

Gli interventi di manutenzione straordinaria possono usufruire di detrazione Irpef del 50% e, visto che tra di essi rientrano anche le opere per l'efficientamento energetico, di detrazione 65%.

Tuttavia le due agevolazioni non sono cumulabili per cui bisognerà distinguere nella contabilità le diverse lavorazioni, oppure, nel caso in cui gli interventi possano fruire dell'una o dell'altra, scegliere quella che si ritiene più conveniente in base alla propria situazione. Un'altra distinzione importante va fatta in base alla tipologia dell'immobile: della detrazione 50%, infatti, possono godere solo gli edifici residenziali, di quella del 65%, invece, tutte gli edifici, di qualunque categoria catastale.

Iva agevolata per interventi di manutenzione straordinaria

Come accade per la manutenzione ordinaria, anche gli interventi di manutenzione straordinaria sono tra quelli che possono usufruire dell'Iva agevolata al 10%, se eseguiti su edifici a prevalente destinazione abitativa. iva per manutenzione straordinariaTale aliquota si può applicare alla prestazione di servizi, cioè ai lavori eseguiti dall'impresa e all'acquisto dei materiali, se effettuato dall'impresa stessa. Se invece l'acquisto dei materiali viene fatto direttamente dal committente, l'aliquota Iva è quella ordinaria.

Se invece gli interventi sono finalizzati all'eliminazione delle barriere architettoniche, l'aliquota Iva agevolata è del 4%.

Per usufruire delle aliquote agevolate il committente deve presentare all'impresa una dichiarazione scritta in cui ne fa richiesta, assumendosi la responsabilità del tipo di interventi effettuati.

I costi delle prestazioni professionali del tecnico incaricato (architetto, ingegnere o geometra), non sono invece soggetti ad Iva agevolata, ma ad aliquota ordinaria. E' possibile, comunque, portare anche questi onorari in detrazione.

SCRIVICI PER INFO E PREVENTIVI GRATUITI

APPROFONDIMENTI E ARTICOLI

Rimani sempre aggiornato ! ! !

VISUALIZZA LA PAGINA DEGLI ARTICOLI

SUET di Roma Sportello Unico Edizia Telematico - Invio della Cila

Il SUET è uno sportello telematico a disposizione dei cittadini e dei tecnici professionisti progettato per semplificare la presentazione delle comunicazioni e delle istanze necessarie per la realizzazione degli interventi edilizi, agevolarne l’istruttoria  da parte degli uffici competenti, monitorarne lo stato d’avanzamento da parte di tutti i soggetti interessati sino alla conclusione dell’intervento edilizio.

Approfondisci

SUAP di Roma Sportello Unico Attività Produttive - Invio della Scia Commerciale

Lo Sportello Unico per le Attività Produttive (S.U.A.P.), istituito dal D. Lgs. 31 marzo 1998, n. 112, è uno strumento di semplificazione amministrativa che mira a coordinare tutti gli adempimenti richiesti per la creazione di imprese, al fine di snellire e semplificare i rapporti tra la pubblica amministrazione italiana e i cittadini.

Approfondisci

Come aggiornare la planimetria Catastale a Roma

Aggiornare la planimetria catastale a Roma è una procedura di variazione telematica al Catasto di Roma tramite programma Docfa. L'atto di aggiornamento catastale va presentato entro 30 giorni dal fine lavori a seguito di modifiche interne come ad esempio a chiusura di una pratica Cila o Scia edilizia.

Approfondisci

Quanto costa la pratica edilizia Cila a Roma?

Il costo della Cila a Roma tiene presente diverse variabili di carattere soggettivo e oggettivo, con l'abolizione dei tariffari minimi le parcelle dei liberi professionisti hanno subito notevoli inerzie di mercato. Il costo della pratica cila può dipendere dal taglio immobiliare, dalla durata dei lavori di ristrutturazione edilizia, ecc.

Approfondisci

Quanto costa aggiornare le tabelle millesimali a Roma?

Le tabelle millesimali generalmente si dividono in proprietà generali, scale, ascenzore e di riscaldamento condominiale. Le più rilevanti sono le tabelle di proprietà generali in quanto determinano in base ad una suddivisione proporzionale la manutenzione delle aree comuni.

Approfondisci

scia per aprire una Guest house o Affittacamere a Roma

Presentare la scia per aprire una Guest house o Affittacamere a Roma è una procedura che vine fatta attraverso lo sportello unico per le attività ricettive SUAR necessaria un attività imprenditoriale nell’ambito ricettivo.

Approfondisci

Il certificato di agibilità roma

Il certificato di agibilità roma attesta la sussistenza delle condizioni di sicurezza, igiene nel rispetto dei requisiti igienico-sanitari degli ambienti, salubrità, risparmio energetico degli edifici e degli impianti negli stessi installati, nonché la conformità dell’opera al progetto presentato.

Approfondisci

 

Tempi e costi della Cila a Roma - Contattaci per prendere un appuntamento.

Il nostro onorario varia da caso per caso, generalmente può partire da un importo di circa € 600,00 (IVA esente - Regime forfettario), a questi vanno sommati i Tributi Catastali che ammontano ad € 50,00 e i costi istruttori di euro € 251,24.
Il nostro studio tecnico, nonché sede fisica, è all' Eur-Torrino. Effettuiamo sopralluoghi su tutto il territorio della Provincia di Roma. Il Costo della Cila a Roma non varia per le zone ricadenti nel Gra. Siamo operativi nelle zone ricadenti nel raggio e limitrofe al G.R.A. Sono coperte, ad esempio, le zone:
Eur, Malafede, Acilia, Casal Palocco, Ostia Antica, Castel Fusano, Infernetto, Castel Porziano, Casal Brunori, Casale Castellaccio, Casal Fattoria, Castel di Leva, Castel Romano, Colle di Mezzo Decima, e Castel di Decima Eur, Falcognana, Fonte Meravigliosa, Cecchignola, Fonte Laurentina, Giuliano Dalmata, Laurentino, Mezzocammino, Montemigliore, Mostacciano, Spinaceto Tor di Valle, Tor de' Cenci, Torrino, Trigoria, Vallerano, Vitinia, via Appia, via Ardeatina, via Cristoforo Colombo e via Ostiense, includendo inoltre le zone di San Paolo, Ardeatina, Roma 70, Grottaperfetta, Tor Marancia e Garbatella, Tuscolano Nord Tuscolano Sud Tor Fiscale Appio Don Bosco, Appio Claudio, Quarto Miglio, Pignatelli, Romanina, Gregna, Morena, Ciampino, Torre Spaccata, Torre Angela, Acqua Vergine, Torre Spaccata, Torre Maura, Tor Bella Monaca, Borghesiana, Torri e Castelli Tor Vergata, Giardinetti, Casal Bruciato, Casal Bertone, Casal de Pazzi, Rebibbia - Ponte Mammolo Podere RosaColli Aniene Tiburtino Tor Cervara Portonaccio Pietralata Monti Tiburtini Collina Lanciani San Basilio San Cleto Casal Monastero Torraccia Prato Lauro Settecamini Case Rosse Casale Caletto Casale Cavallari - Salone Monte Sacro, Val Melaina, Monte Sacro Alto, Fidene, Serpentara, Casal Boccone, Conca d'Oro, Sacco Pastore, Tufello, Aeroporto dell' Urbe, Settebagni, Bufalotta, Tor S. Giovanni Villaggio Olimpico - Parioli - Flaminio - Salario - Trieste - Villa Borghese - Villa Ada - Nomentano - San Lorenzo - Universita - Verano Rioni Borgo, Campitelli, Campo Marzio, Celio, Colonna, Esquilino, Ludovisi, Sallustinano, Monti, Parione, Pigna, Ponte, Prati, Regola, Ripa, S. Angelo, S. Saba, S. Eustacchio, Testaccio, Trevi, Trastevere e parte di Castro Pretorio, il quartiere Della Vittoria e parte dei quartieri Trionfale, Ostiense ed Ardeatino
Le richieste pervenute oltre queste zone saranno valutate per cercare di offrire il miglior prezzo possibile.

Contattaci per un preventivo gratuito ci occupiuamo dell'integrazione della tua pratica di condono a roma, sollecito d'urgenza, mancanza di pregiudizio statica condono, UCE roma, visura al condono roma, richieste informazioni, ritiro della concessione in sanatoria a Roma, o ritiro del condono, sollecito domanda di condono, tutto quello che c'è da fare al conodono edilizio di roma.